Site Name

Investire Negli USA

Corporate

Main Content

Contratti di Fornitura negli USA: Trasferte Temporanee di Lavoratori

June 12, 2017

Contratti di Fornitura negli USA: Trasferte Temporanee di Lavoratori

June 12, 2017

by: Bryan Cave Investi Renegli

La storia è sempre la stessa: un’azienda italiana, leader in un determinato segmento di mercato, vende un macchinario importante a un compratore statunitense; come parte dell’accordo di compravendita, si prevede che l’istallazione del macchinario avvenga a cura del venditore italiano presso la sede del compratore e per il tramite dei propri dipendenti, i quali dovranno a tal fine trasferirsi negli USA per un periodo temporaneo (che potrebbe variare da più settimane a diversi mesi). Queste tipologie di operazioni sono particolarmente delicate poiché richiedono di adempiere un articolato quadro normativo statunitense.

Le questioni legali di maggiore importanza da affrontare sono quelle di matrice immigratoria, assicurativa (generale/infortuni), e fiscale.  In primo luogo, è sempre necessario comprendere la tipologia di intervento previsto sul territorio statunitense  (i.e.: se la semplice supervisione di personale americano, oppure l’effettivo intervento di assemblaggio sul territorio). Sarà poi importante comprendere con chiarezza la tempistica dell’intervento. Tali informazioni saranno determinanti per

Read More

Considerazioni strategiche di un progetto di Joint Venture

June 2, 2017

Considerazioni strategiche di un progetto di Joint Venture

June 2, 2017

by: Bryan Cave Investi Renegli

 

Una Joint Venture è un’alleanza strategica tra due o più soggetti (persone fisiche o giuridiche) per realizzare un progetto comune (generalmente di natura commerciale – come l’accesso al mercato statunitense), condividendo sinergicamente costi, rischi, know how, tecnologie, finanze e risorse per il migliore raggiungimento dell’obiettivo comune.

 

La Joint Venture può realizzarsi secondo due diverse strutture: contrattuale o societaria.

  • Contrattuale. Le società partecipanti mantengono la propria autonomia giuridica e stipulano un contratto (c.d. “Joint Venture Agreement”) nel quale vengono fissati diritti, obblighi e ruoli di ciascuna parte per la gestione del progetto comune.
  • Societaria. Gli attori dell’alleanza costituiscono un nuovo soggetto giuridicamente indipendente sotto forma di società (c.d. “Joint Venture Company”[1]).
  •  

    Quali sono, quindi, i fattori che determinano la scelta di quale tra le due strutture adottare? Di seguito si propongono alcuni esempi di carattere, ovviamente, non tassativo:

  • Scopo e responsabilità. Se le parti vogliono realizzare
    Read More
  • Acquisizione di una Startup: aree critiche

    May 11, 2017

    Acquisizione di una Startup: aree critiche

    May 11, 2017

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Il presente articolo si propone di fornire una panoramica sulle aree critiche sottese all’acquisizione di una Startup. Di frequente, infatti, si assiste al compimento di una serie di errori comuni sia in fase di costituzione e avviamento della start-up company sia in fase di successiva negoziazione con un potenziale acquirente. Di seguito una serie di spunti di considerazione relativi a entrambe le menzionate fasi.

    Costituzione e avviamento della Startup

    • Documenti Organizzativi – al fine di evitare problematiche scaturenti da una mancanza di formalità societarie e corretta tenuta dei libri sociali, sarà consigliabile implementare, sin dal principio, un archivio elettronico (c.d. Virtual Data Room) che includa, tra le altre cose, i documenti finanziari, i verbali organizzativi ed i contratti sottoscritti.
    • IP Protection – sarà consigliabile che tutti i diritti di proprietà intellettuale siano accuratamente protetti e registrati presso le competenti agenzie.
    • Scelta di titoli rappresentativi adeguati

      Read More

    Espandersi negli USA nel settore delle biotecnologie

    April 18, 2017

    Espandersi negli USA nel settore delle biotecnologie

    April 18, 2017

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Le società italiane specializzate in biotecnologie desiderose di investire negli Stati Uniti possono beneficiare di una serie di finanziamenti da parte del governo statunitense. In particolare, il Department of Defense e il National Institutes of Health (una speciale agenzia governativa del Department of Health and Human Services), forniscono finanziamenti negli USA tramite la stipulazione di contratti, concessioni governative, e una varietà di transazioni miste.

    Le società italiane che intendono beneficiare di tali finanziamenti possono accedervi direttamente, mediante la costituzione di sussidiarie USA (che saranno quindi beneficiarie dirette dei finanziamenti medesimi), oppure indirettamente, mediante la conclusione di contratti negli USA con altre società statunitensi specializzate nel settore delle biotecnologie, oppure ancora tramite la creazione di joint venture.

    Per quel che concerne in particolare le nanotecnologie, il Nanotechnology Advancement and New Opportunities Act (NANO Act)[1] permette al Secretary of Commerce di autorizzare lo stanziamento di fondi, fino a 100 milioni

    Read More

    Startup negli USA: raccolta di capitali e strumenti finanziari

    December 21, 2016

    Startup negli USA: raccolta di capitali e strumenti finanziari

    December 21, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Negli USA la questione del “raising capital” rimane certamente una delle questioni di maggiore e vitale importanza per la sopravvivenza e successo di una startup. Molte startup non producono profitti e necessitano di regolari infusioni finanziarie per garantire operatività e crescita. Questo è largamente dovuto al fatto che molte di queste società preferiscono canalizzare le risorse a loro disposizione per far crescere il business velocemente e conquistare una posizione dominante sul mercato.

     

    In generale, le società che raccolgono capitale devono decidere lo strumento da utilizzare ed emettere a favore degli investitori. Per le startup la scelta dello strumento finanziario da adottare varia in relazione al proprio stadio di sviluppo. Questo post si propone di evidenziare il ciclo di sviluppo di una startup e le tipologie di strumenti finanziari connessi con la raccolta di capitale in relazione ai vari stadi di sviluppo.

     

    Molte Startup negli Stati Uniti seguono un

    Read More

    Lezioni dagli USA: quando gli Stati fanno a gara per attrarre investimenti

    November 25, 2016

    Lezioni dagli USA: quando gli Stati fanno a gara per attrarre investimenti

    November 25, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    La delocalizzazione sembra essere la forma più diffusa di internazionalizzazione; in seguito al progressivo indebolimento del dollaro nei confronti dell’euro, la diminuzione dei costi di produzione ha favorito scelte di delocalizzazione verso gli Stati Uniti.

    A sostegno di questo quadro favorevole contribuisce, in particolare, l’esistenza di molteplici programmi di incentivi a favore degli investitori stranieri. A fronte di un atteggiamento di neutralità del Governo Federale, le autorità governative dei singoli Stati americani offrono fattivamente — e in chiara competizione fra loro — un ventaglio di programmi di incentivazione all’investimento straniero negli USA, intesi a favorire aree economicamente depresse, sostenere lo sviluppo e le attività imprenditoriali in determinati distretti industriali, e creare nuovi posti di lavoro.

    Ciascuno Stato ha sviluppato la propria tipologia di programmi di incentivazione (incentive and credit programs); i mezzi di intervento collegati ai suddetti programmi evidenziano matrici comuni con una vasta offerta di strumenti di fiscalità agevolata

    Read More

    Governance di una Corporation: organi sociali e operatività

    September 14, 2016

    Governance di una Corporation: organi sociali e operatività

    September 14, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Prima di affrontare il discorso relativo alla governance di una corporation, è fondamentale fare una precisazione. Negli Stati Uniti non esiste una normativa societaria di validità nazionale; ogni singolo Stato adotta una propria normativa di diritto societario per disciplinare l’esistenza di una società, dalla sua costituzione fino al suo scioglimento. In aggiunta, negli Stati Uniti vige la teoria della c.d. Internal affairs doctrine, secondo la quale le regole di governance societarie – a prescindere da dove la società svolge delle attività – sono quelle riportate nei codici e nel caselaw dello Stato dove è stata costituita una società. Conseguentemente, un singolo Stato potrà regolare i rapporti interni di una società in maniera visibilmente diversa rispetto ad un altro; è quindi consigliabile andare ad analizzare, di volta in volta, le leggi applicabili al caso concreto.

    Fatta questa doverosa premessa, ordinariamente i singoli Stati adottano una struttura di governance societaria che ruota

    Read More

    Il Buy American Act: avvertenze per le forniture di appalti in USA

    July 6, 2016

    Il Buy American Act: avvertenze per le forniture di appalti in USA

    July 6, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Nel 2009 il Presidente Barack Obama ha firmato l’American Recovery and Reinvestment Act (in breve, Recovery Act o ARRA)[1], una legge nata con lo scopo di reagire alla Grande Recessione, destinando dei fondi a quei settori particolarmente colpiti dalla recessione, e investendo in infrastrutture, educazione, salute e energia rinnovabile.

    La Sezione 1605 dell’ARRA (“Use of American Iron, Steel, and Manufactured Goods”) è di particolare interesse in quanto contiene delle disposizioni protezionistiche, chiamate “Buy American”, a cui gli assegnatari dei fondi ARRA devono obbligatoriamente attenersi. Il paragrafo (a) della Sezione 1605 ARRA prevede che ogniqualvolta vengano assegnati dei fondi ARRA per la costruzione, alterazione, manutenzione, o restauro di un edificio o un lavoro pubblico, tutto il ferro, l’acciaio e i beni industriali utilizzati nel progetto devono essere stati prodotti negli Stati Uniti[2]. I destinatari dei fondi ARRA sono responsabili per la verifica di conformità del progetto con

    Read More

    Avviare una Start-Up in USA: Employees v. Independent Contractors

    June 30, 2016

    Avviare una Start-Up in USA: Employees v. Independent Contractors

    June 30, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Dopo aver costituito una start-up, una delle prime decisioni da prendere sarà se assumere dei dipendenti (c.d. “employees”) oppure affidarsi a dei lavoratori autonomi (c.d. “independent contractors”). Generalmente, le società neocostituite preferiscono affidarsi agli independent contractors per svolgere delle attività specifiche (ad esempio l’attività contabile o  informatica), per via della grande flessibilità che caratterizza questa tipologia di rapporto. Inoltre, ricorrere ad un independent contractor per portare a termine un determinato progetto può rivelarsi vantaggioso per una start-up, in quanto non sarà tenuta a versare payroll taxes[1] e corrispondere employee benefits[2].

     

    Tuttavia, non è sufficiente definire un lavoratore “independent contractor” affinché non venga considerato un employee. Negli Stati Uniti, classificare erroneamente un lavoratore come “independent contractor” può rivelarsi rischioso per il datore di lavoro in quanto, ad esempio, potrebbe essere ritenuto responsabile per le payroll taxes (ed altre sanzioni correlate) non versate durante il rapporto lavorativo.

    Read More

    La responsabilità della Società Madre per l’incorretta gestione della Sussidiaria USA

    June 1, 2016

    La responsabilità della Società Madre per l’incorretta gestione della Sussidiaria USA

    June 1, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Uno degli elementi di maggiore interesse per l’investitore italiano è la possibilità di costituire una società sussidiaria americana, tenendo indenne il proprio patrimonio dalle obbligazioni della sussidiaria medesima. Le due forme societarie più di frequente impiegate a tal fine sono la Limited Liability Company e la Corporation. Tuttavia, esiste un’eccezione alla regola generale della responsabilità limitata che prende il nome di “Veil Piercing”, la quale permette di estendere la responsabilità della sussidiaria USA alla società madre. L’applicazione di tale istituto deriva spesso da una non attenta pianificazione societaria caratterizzata dal mancato rispetto di formalità societarie e dal verificarsi di una serie di circostanze ulteriori, tra cui:

    • Una capitalizzazione della società USA inadeguata rispetto alle attività da svolgere;
    • L’utilizzo degli stessi dipendenti tra società madre e sussidiaria americana;
    • Una cattiva amministrazione o l’utilizzo della società statunitense per scopi personali;
    • La frode da parte dei proprietari.

    In termini generali, le

    Read More

    La tua azienda in USA? Cosa sapere in Materia di Diritto del Lavoro

    May 28, 2016

    La tua azienda in USA? Cosa sapere in Materia di Diritto del Lavoro

    May 28, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    La disciplina del rapporto di lavoro negli USA è più flessibile rispetto a quella italiana; in particolare, i rapporti di lavoro possono essere “a tempo determinato” oppure “at will”. La teoria dell’Employment at Will originata da pronunce delle corti americane agli inizi del XIX secolo, concede la facoltà per il datore di lavoro di risolvere il rapporto lavorativo in qualunque momento, senza necessità di preavviso e senza bisogno di invocare una giusta causa di licenziamento. La ratio della legge riposa sull’assunto che il lavoratore è anch’esso libero di lasciare il posto di lavoro in assenza di ragione e/o preavviso. L’ovvia conseguenza di tale regola è che la domanda di lavoro a tempo determinato è maggiore di quella a tempo indeterminato.

    Negli Stati Uniti, di norma, la disciplina di lavoro at will costituisce la regola; pertanto, essa trova automatica applicazione a meno che non vengano negoziate espresse pattuizioni in senso contrario

    Read More

    Delaware… Sì

    May 25, 2016

    Delaware… Sì

    May 25, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Dopo aver deciso di aprire una società sussidiaria americana, l’operatore italiano deve necessariamente chiedersi in quale Stato americano costituire la società. Le cinque ragioni che seguono indicano il Delaware come la possibile scelta migliore:

  • In termini di reputazione, il Delaware è considerato lo Stato migliore in cui costituire una società. Oltre metà delle società statunitensi (quotate e non), il 60% delle Fortune 500, e il 70% delle società oggetto di OPA, sono costituite in questo Stato. Ciò può influire sulla scelta di un potenziale investitore in merito a dove costituire la propria società sussidiaria americana.
  • La normativa di diritto societario del Delaware è ritenuta la più moderna, vantaggiosa, e flessibile. In particolare, il Delaware è definito uno Stato director-centric (ovverosia pro-amministratori) in quanto caratterizzato da una disciplina normativa che consente grande flessibilità nella gestione dell’impresa, senza dover tuttavia rinunciare alla responsabilità limitata.
  • Le Corti del Delaware sono specializzate in diritto
    Read More
  • Il potere di esame e controllo del Comitato sugli Investimenti Esteri negli Stati Uniti

    May 5, 2016

    Il potere di esame e controllo del Comitato sugli Investimenti Esteri negli Stati Uniti

    May 5, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Il Comitato sugli Investimenti Esteri negli Stati Uniti d’America (Committee on Foreign Investment in the United States), è stato istituito nel 1975 dal Presidente Gerald Ford; è capeggiato dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ed è ulteriormente composto da membri dell’Intelligence, del Dipartimento della Difesa, del Dipartimento di Stato, e del Dipartimento del Commercio.

    Nel 1988 il Congresso ha promulgato l’Exon Florio Amendment[1] e ha conferito al Presidente degli Stati Uniti il potere di controllare le operazioni tra società USA e investitori esteri; l’allora Presidente Reagan ha quindi delegato il Comitato a svolgere tale compito. Successivamente, nel 2007, il Foreign Investment and National Security Act[2] ha ulteriormente definito i compiti del Comitato, estendendo il suo potere di controllo sugli investimenti negli USA aventi ad oggetto “critical infrastructure, energy assets, and critical technologies”[3].

    Come accennato, il compito del Comitato è procedere all’analisi di quegli

    Read More

    Delaware… No

    April 27, 2016

    Delaware… No

    April 27, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Decidere di costituire una società sussidiaria in USA porta inevitabilmente l’operatore italiano a dover decidere in quale Stato americano creare la società. Seppur il Delaware rappresenti spesso la scelta più favorevole[1], vi sono cinque ragioni per cui può non essere inizialmente conveniente costituire una sussidiaria in Delaware:

  • Negli Stati Uniti, generalmente, una società può svolgere la propria attività solamente nel proprio Stato di costituzione. Se la società costituita in USA (società sussidiaria) vuole operare in Stati differenti da quello di costituzione, è necessario ottenere l’autorizzazione dalle relative Segreterie di Stato (Secretary of State), mediante il deposito uno specifico documento (il c.d. Application for Authority to Transact Business), il quale comporta dei costi per la sussidiaria USA. In aggiunta, la società sussidiaria costituita negli Stati Uniti deve avere agenti registrati in ogni Stato in cui svolge la propria attività, i quali hanno un costo ulteriore. Infine, la sussidiaria USA
    Read More
  • Vendere prodotti italiani negli USA: la responsabilità da prodotto (Product Liability)

    April 8, 2016

    Vendere prodotti italiani negli USA: la responsabilità da prodotto (Product Liability)

    April 8, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Il termine “Product Liability” (c.d. responsabilità da prodotto) definisce un tipo di responsabilità oggettiva (c.d. strict liability) del produttore che nasce quando un consumatore soffre un danno causato da un prodotto irragionevolmente pericoloso per via di un difetto di progettazione, di un difetto di fabbricazione, o di una mancanza di avvertenze.

    La Product Liability è un tipo di responsabilità di portata molto ampia in quanto non dipende da un comportamento negligente o da una violazione di leggi o regolamenti, ma dalla presenza di difetti nel prodotto; essa si applica ogni qualvolta un prodotto difettoso generi un danno all’utilizzatore finale, nonostante i produttori provino che si siano comportati diligentemente e nel rispetto delle norme. Secondo la legge statunitense, tutti i soggetti che prendono parte al processo di immissione del prodotto sul mercato (“the stream of commerce”) sono quindi potenzialmente responsabili per il danno che il prodotto provochi al consumatore a causa di un difetto sconosciuto

    Read More

    Tipologie e Caratteristiche delle Società USA

    April 4, 2016

    Tipologie e Caratteristiche delle Società USA

    April 4, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    In termini generali, è possibile dividere i diversi modelli societari americani in tre distinte categorie:

    • Le Partnership sono equiparabili alle società di persone italiane; negli Stati Uniti, ci sono quattro modelli che presentano differenze a livello di responsabilità dei diversi partner: General partnership, Limited Partnership, Limited Liability Partnership, Limited Liability Limited Partnership.
    • Negli Stati Uniti, le Corporation sono comparabili alle società di capitali italiane.
    • Limited Liability Company (LLC). Le LLC sono una sorta di ibrido tra le due categorie, Partnership e Corporation, sopra menzionate. Esse si differenziano quanto al trattamento fiscale applicabile alle medesime.

    La tabella pubblicata alla seguente pagina web presenta una panoramica delle principali caratteristiche e differenze dei modelli societari sopra descritti: tipologie e caratteristiche delle principali società USA.

    Read More

    Costituire una società USA: la scelta dello Stato di Costituzione

    March 31, 2016

    Costituire una società USA: la scelta dello Stato di Costituzione

    March 31, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Negli Stati Uniti, a differenza del sistema legale italiano, la normativa di riferimento dal punto di vista societario non ha validità “nazionale” ma trova fonte nella legge vigente in ciascuno dei 50 Stati americani. Nel complesso, i differenti dettati normativi si presentano abbastanza simili nella struttura di base, ma possono esserci delle differenze che, esaminate in dettaglio, diventano di fondamentale importanza per lo sviluppo dell’attività negli USA. In particolare, i singoli Stati cercano costantemente di aggiornare le proprie previsioni normative in materia societaria in modo da attrarre il maggior numero di società e investitori; questo fenomeno prende il nome di Race to the Bottom. Lo stato del Delaware, in particolare, è famoso per essere uno stato director-centric (termine che indica una normativa a favore degli amministratori della società), che permette di mantenere grande flessibilità nella gestione dell’impresa, seppur con una tutela completa dal punto di vista della responsabilità limitata Read More

    7 Key Documents per Start-Up in USA

    March 28, 2016

    7 Key Documents per Start-Up in USA

    March 28, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Per fare business negli USA, ogni start-up deve dotarsi dei 7 key documents riportarti nella tabella che segue. La lista proposta non è esaustiva ed evidentemente non ricopre l’intero panorama documentale che una start-up avviata negli USA deve preparare durante la sua esistenza. La tipologia di prodotti e/o servizi offerti dalla società, e le diverse modalità di espansione commerciale negli USA, determineranno la necessità di realizzare altri key documents (i.e. accordi di riservatezza, termini di servizio, privacy policy per il proprio sito web, oppure contratti di lavoro).

    Key Documents Descrizione  

    Atto costitutivo (Articles of Incorporation) L’attività verrà condotta per il tramite di una Corporation o di una Limited Liability Company[1]? Questo è il punto di partenza per determinare la struttura della start-up da costituire negli USA. Il resto della presente lista presuppone che i fondatori abbiano deciso di costituire una Corporation; tuttavia, ogni documento che segue, con

    Read More

    Finanziare una Start-up USA: la scelta dell’investitore

    March 21, 2016

    Finanziare una Start-up USA: la scelta dell’investitore

    March 21, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Questo documento nasce con l’intento di orientare gli imprenditori italiani che intendono rivolgersi ad investitori statunitensi al fine di reperire il capitale necessario alla creazione di una società statunitense (procedimento meglio noto come finanziamento di start-up) per fare business negli USA.

    Il nostro obiettivo rimane quello di chiarire quali siano i soggetti a cui rivolgersi, come interfacciarsi con gli stessi, suggerire un modello utile alla presentazione della proposta di investimento negli USA ed infine preparare gli imprenditori alle domande che sono tipicamente loro rivolte dagli investitori.

     

    • S. Investors

    Business Angels: sono individui, tipicamente imprenditori, manager, professionisti o “uomini di impresa” che, dotati di un buon patrimonio personale, ritengono attraente l’attività di investimento nel capitale di rischio di nuove o giovani società che operino in un business rischioso ma spesso innovativo, con l’obiettivo di realizzare nel medio termine (5-7 anni, tipicamente) una plusvalenza dalla vendita della partecipazione iniziale.

    Read More

    Branch o Sussidiaria USA?

    March 14, 2016

    Branch o Sussidiaria USA?

    March 14, 2016

    by: Bryan Cave Investi Renegli

    Apertura di una sede secondaria negli Stati Uniti: il Branch Office

    Il Branch Office è equiparabile alla “sede secondaria” disciplinata dal Codice Civile. La costituzione di un Branch Office negli Stati Uniti solleva problemi sia in merito alla tassazione americana, sia in merito alla potenziale responsabilità verso terzi in capo alla società madre italiana.

    Per quanto concerne la tassazione: un Branch Office ricade tra le sedi di affari che l’articolo 5, primo comma, del Trattato Italia-Stati Uniti sulla doppia imposizione fiscale (Legge n. 20 del 2009) definisce come “Stabile Organizzazione”, ovverosia una “sede fissa di affari in cui l’impresa esercita in tutto o in parte la sua attività”. Rientrando in tale previsione, il Branch Office acquista personalità di diritto tributario e, conseguentemente, il diritto di ottenere la partita IVA americana (Tax ID number); l’immediata conseguenza è il pagamento delle tasse per i redditi prodotti effettivamente collegati al territorio statunitense. Tuttavia,

    Read More
    The attorneys of Bryan Cave LLP make this site available to you only for the educational purposes of imparting general information and a general understanding of the law. This site does not offer specific legal advice. Your use of this site does not create an attorney-client relationship between you and Bryan Cave LLP or any of its attorneys. Do not use this site as a substitute for specific legal advice from a licensed attorney. Much of the information on this site is based upon preliminary discussions in the absence of definitive advice or policy statements and therefore may change as soon as more definitive advice is available. Please review our full disclaimer.