Le società italiane specializzate in biotecnologie desiderose di investire negli Stati Uniti possono beneficiare di una serie di finanziamenti da parte del governo statunitense. In particolare, il Department of Defense e il National Institutes of Health (una speciale agenzia governativa del Department of Health and Human Services), forniscono finanziamenti negli USA tramite la stipulazione di contratti, concessioni governative, e una varietà di transazioni miste.

Le società italiane che intendono beneficiare di tali finanziamenti possono accedervi direttamente, mediante la costituzione di sussidiarie USA (che saranno quindi beneficiarie dirette dei finanziamenti medesimi), oppure indirettamente, mediante la conclusione di contratti negli USA con altre società statunitensi specializzate nel settore delle biotecnologie, oppure ancora tramite la creazione di joint venture.

Per quel che concerne in particolare le nanotecnologie, il Nanotechnology Advancement and New Opportunities Act (NANO Act)[1] permette al Secretary of Commerce di autorizzare lo stanziamento di fondi, fino a 100 milioni di dollari, ad associazioni tra società (pubbliche e private) che desiderano espandersi negli USA e far progredire la commercializzazione di prodotti nanotecnologici dedicati a specifici bisogni di ordine scientifico e ingegneristico di importanza nazionale. Lo stanziamento di finanziamenti avviene tramite investimento diretto, contratti, prestiti oppure promesse di assunzione di debito.

L’autorizzazione del Secretary of Commerce è diretta alle quattro agenzie che sostengono la ricerca in materia di nanotecnologie in quelle aree di particolare interesse nazionale, le quali possono quindi erogare i fondi menzionati. Nello specifico:

  1. Department of Health and Human Services: può erogare fino a 30 milioni di dollari per società specializzate in applicazioni nanotecnologiche legate all’ambito salute.
  2. Department of Energy: può erogare fino a 30 milioni di dollari per società che effettuano ricerca in materia di energia rinnovabile, pulita e non inquinante.
  3. Environmental Protection Agency (EPA): può erogare fino a 30 milioni di dollari per società che producono tecnologie in grado di ridurre l’inquinamento e proteggere l’ambiente.

Department of Homeland Security: può erogare fino a 30 milioni di dollari per società che producono sensori e altre tecnologie finalizzate a proteggere la sicur

[1] Il NANO Act è stato approvato nel Febbraio 2009 dalla House of Representatives e successivamente indirizzato a diversi comitati, in particolare il Science and Technology Committee, Ways and Means Committee, Homeland Security Committee.