Negli Stati Uniti, la disciplina federale di riferimento in materia di produzione, etichettatura e vendita di prodotti alimentari biologici è contenuta nell’Organic Food Production Act del 1990 (“OFPA”)[1] e nei regolamenti dello United States Department of Agricolture (“USDA”). L’obiettivo dell’OFPA[2] è stabilire degli standard comuni a livello federale al fine di:

  • Regolamentare la commercializzazione dei prodotti agricoli[3] definiti “organic”.
  • Offrire garanzie ai consumatori finali richiedendo ai produttori di alimenti biologici di rispettare determinati standard minimi.
  • Facilitare il commercio interstatale dei prodotti biologici.

In particolare, l’OFPA conferisce al Segretariato all’Agricoltura il potere di predisporre un programma di certificazione per prodotti biologici a livello federale (National Organic Program). Il National Organic Program è pubblicato nel Code of Federal Regulation[4], e conferisce al Segretariato la facoltà di permettere ad ogni Stato dell’Unione di implementare un programma di certificazione organica statale al fine di assicurare che un prodotto venduto ed etichettato come “organic” sia effettivamente prodotto e maneggiato con sistemi biologici[5]. Ai sensi del Code of Federal Regulations, se il singolo Stato predispone un programma di certificazione, quest’ultimo, in seguito ad un’approvazione a livello federale, diventa la normativa di riferimento per quel che concerne certificazioni e procedimenti di non conformità[6]. Lo Stato della California, ad esempio, ha promulgato un programma di certificazione che incorpora integralmente i regolamenti emanati a livello federale, secondo quanto stabilito nella sezione 46002, lettera (a), del California Food and Agricultural Code.

[1] Title 21 del Food, Agriculture, Conservation, and Trade Act of 1990, recepito dallo United States Code, Title 7, chapter 94.

[2] 7 U.S.C. 6501.

[3] L’OFPA definisce un “prodotto agricolo” come una merce o prodotto di agricoltura, sia nella sua forma grezza sia nella sua forma lavorata, compresa ogni merce o prodotto proveniente da bestiame, che sia commercializzata nel territorio degli Stati Uniti per finalità di consumo da parte di persone fisiche o bestiame. [7 U.S.C. 6502].

[4] 7 C.F.R. 205.

[5]Nello specifico, il “programma di certificazione biologica statale” deve essere approvato dal Segretariato all’Agricoltura e deve soddisfare i seguenti requisiti: 1) prevedere che un prodotto agricolo commercializzato o etichettato con la dicitura “organic” sia stato effettivamente prodotto solamente in fattorie biologiche certificate, maneggiato attraverso procedimenti biologici, e prodotto e maneggiato secondo quanto previsto dal programma statale; 2) richiedere che i produttori e coloro che maneggiano prodotti agricoli biologici siano dotati di un piano conforme alle previsione dell’OFPA; 3) prevedere procedure che permettano a produttori e coloro che maneggiano prodotti biologici di impugnare un’ordinanza amministrativa ad essi avversa secondo quanto previsto dall’OFPA; 4) richiedere che ogni fattoria biologica certificata o ogni operazione biologica certificata certifichi al Segretariato all’Agricoltura, al governatore dello stato, e all’agente certificante, su base annuale, che tale fattoria od operazione non ha prodotto o maneggiato alcun prodotto agricolo venduto o etichettato come “organic” se non in conformità alle previsione dell’OFPA; 5) prevedere ispezioni in loco annuali, da svolgere presso le fattorie e le operazioni certificate, da parte dell’agente certificante; 6) richiedere test periodici su prodotti agricoli, da parte dell’agente certificante, per determinare che detti prodotti biologici non contengano tracce di pesticidi o altri residui non biologici o di natura tossica, e richiedere che gli agenti certificanti riferiscano eventuali violazioni alle competenti agenzie per la salute; 7) predisporre una appropriata procedura esecutiva sulla base di quanto determinato dal Segretariato all’Agricoltura; 8) proteggere da eventuali conflitti di interesse; 9) prevedere il pubblico accesso ai certificati e alle analisi di laboratorio che riguardano i certificati; 10) prevedere la raccolta di fondi da parte dei produttori, agenti certificanti, e soggetti che maneggiano i prodotti, che fanno parte del programma statale; 11) richiedere gli ulteriori termini e condizioni che possano essere determinate dal Segretariato all’Agricoltura di volta in volta. 7 U.S.C. 6504.

[6] Code of Federal Regulations, sezione 205.668(b).